Storie a passo d’uomo

C’è una singolare miscela di ingredienti in questo libro. I racconti di «Storie a passo d’uomo» ti gettano in un lieve spaesamento. C’è tanta ironia, che vela e svela gli acciacchi di un’umanità dolente senza moralismo, spianando il sorriso. La bellezza si accompagna all’inquietudine e il personale al politico. C’è la morte, nella sua imprevedibile e scomposta danza con la vita.

All’inizio di ogni storia la realtà si presenta solida e riconoscibile nell’ambientazione e nei personaggi, gente comune. Ma poi il paesaggio si increspa e da terraferma diventa acqua marina. Da sotto baluginano ombre, colori, profondità insondabili. L’autore ci impresta le unghie per grattare via la pellicola che separa il regno di Apollo e da quello di Dioniso. I protagonisti e le protagoniste a un certo punto perdono il controllo della situazione. Il mondo che abitano, che ci sembrava tanto familiare e sicuro, si incurva e si deforma. Nel circuito irrompe lo smisurato, il grottesco, la nota stridente o terrificante, la dimensione onirica, la follia. Ma sempre con un piglio di leggerezza, anche grazie allo stile peculiare dell’autore che mescola il registro colto con il parlato, e che dal dialetto prende ritmi e suoni per colorare la lingua, dal territorio pugliese prende colori e immagini per creare metafore e neologismi.

Continua a leggere su La Bottega del Barbieri

Francesco Carmine Tedeschi, «Storie a passo d’uomo», Kimerik, 2015
334 pagine per 15,30 €

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...